DIOCESI DI LOCRI GERACE

Diocesi di Locri Gerace

Chiesa Cattedrale di Santa Maria del Mastro

Con il trasferimento della sede vescovile da Gerace a Locri, con bolla pontificia Urgenti Christi voce, del 22 febbraio 1954, la Chiesa parrocchiale di Santa Maria del Mastro fu elevata a Chiesa Cattedrale della Diocesi di Gerace-Locri, che, dal giorno 1° gennaio 1990, in seguito alla ristrutturazione delle diocesi della Regione Calabria, prese l’attuale nome di Diocesi di Locri-Gerace. Un po’ di storia: il titolo del beneficio parrocchiale di Santa Maria del Mastro era dell’omonima chiesa, molto antica (a. 1084), sita nel Borgo Maggiore di Gerace, poi trasferito a Gerace Marina, oggi Locri, nuovo centro urbano, sorto, sul litorale, dopo la costruzione del tronco ferroviario Reggio Calabria-Metaponto (a. 1872), da Mons. Giorgio Francesco Delrio (1906-1920), con suo provvedimento del 10 dicembre 1908. La costruzione dell’edificio di culto nella nuova sede, a motivo di notevoli difficoltà, anche burocratiche, ebbe inizio nell’aprile del 1921 e fu portata a compimento nel 1933, sotto Mons. Giovanni Battista Chiappe (1922-1956). Il progetto originario, del 1919, è andato smarrito e quello successivo, del 1922, ostacolato, dovette essere notevolmente ridimensionato in tutte le sue strutture architettoniche, secondo le attuali dimensioni. In previsione delle celebrazioni giubilari del 2000, l’edificio di culto è stato ristrutturato al suo interno, al tetto ed al campanile, dotato di orologio e di un concerto di campane a distesa.

Vi si custodiscono i resti mortali di mons. Francesco Saverio Mangeruva, traslati dal locale cimitero di Locri, morto il 1° maggio 1905; e di mons. Michele Alberto Arduino, deceduto, nella sede locrese, il 18 giugno 1972.